Storia #15 – Divisi ma uniti

Storia di paura, incertezza, timore e di un amore a distanza forzata.

Ciao Pietro. La mia storia é fatta di paure, incertezza ma anche di speranza.
Lavoro con la mia famiglia in un piccolo negozio di prodotti tipici. Ovviamente ho il pensiero dell’affitto, degli ordini pendenti ,dei progetti arenati e tanta paura che questa catastrofe si allunghi sulla stagione turistica…
Poi c’é la mia ragazza, che é spagnola. Uniti da quasi un anno, dopo che lei é tornata a casa per terminare gli studi, da una relazione a distanza… Dovevo andare a trovarla ad inizio aprile ma ho dovuto arrendermi: tutto chiuso. Perciò il mio lavoro e i suoi studi mi impediranno di vederla almeno fino a giugno… Anche la in Spagna hanno sospeso tutto. Lei doveva laurearsi proprio a giugno .Adesso é nell’incertezza più totale.Impossibile portare a termine alcune pratiche di laboratorio e la sua tesi (studia biotecnologia, roba non proprio teorica).
Ho deciso che se supereremo questa crisi, lavorativa con la mia famiglia ed emotiva con la mia ragazza, andrò a vivere con lei in Spagna… Ma prima devo rimettere in moto la mia attività, sperando che lo Stato e l’Europa ci aiutino . Insomma spero che tutto vada bene, che da questa oscurità sorgano spunti positivi per il futuro, nuovi orizzonti.
La mia relazione mi ha abituato alla distanza, a parlare attraverso uno schermo , a non potersi sfiorare , a non potersi abbracciare. É dura, e sembra sempre di non farcela… Ma ti assicuro che il momento in cui la distanza si annulla, in cui senti la sua voce senza che ci sia un microfono di mezzo, quell’attimo in cui realizzi che é tutto finito ti esplode il cuore di gioia. Sarà ancora così, e stavolta sarà ancora più bello, perché é stato ancora più difficile.
Divisi ma uniti, adesso più che mai.

Raffaele

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Altre storie

Condividi la tua Storia